luca-bernardini-poetry-slam-roma

ROMA – Hunger G4m3s Poetry Slam + Eugenia Galli // Luca Bernardini

Benvenuti al primo Poetry Slam che balla disperatamente sul filo dell’utilizzo indebito di marchio registrato, per poi fingersi morto quando la legge chiama.

Mercoledì 20 marzo e mercoledì 3 aprile, il collettivo WOW – Incendi Spontanei, il circolo Arci Sparwasser e la LIPS – Lega Italiana Poetry Slam organizzano un DOPPIO CRUENTO CONTEST di POESIA ORALE valido per il campionato nazionale LIPS – 2018/2019.

 

► LE REGOLE

Una sfida, otto poeti. Testi propri, solo corpo e voce. Il migliore lo decreta il pubblico. “Lo sappiamo” direte.
E INVECE STAVOLTA NO, STAVOLTA è HARDCORE:

1) Verranno estratte a sorte, tra i poeti in gara, quattro coppie.
2) Le coppie avranno 20 minuti, prima della serata, per confrontare i propri testi, trovare temi comuni, parole chiave, nessi logici e COSTRUIRE DELLE PERFORMANCES DI COPPIA (alternandosi, inframezzandosi, susseguendosi e altre amenità binarie.)
3) Le coppie si sfideranno all’ultimo sangue per vincere il funambolico Premio Sorpresa offerto da Sparwasser, ed un posto in finale regionale per il campionato 2018/2019.

 

► CHI SONO I PAZZERELLI OSPITI?

20 MARZO – Eugenia Galli
Studia lettere all’Università di Bologna ed è la segretaria di Zoopalco, associazione culturale che si occupa di promuovere la poesia performativa e multimediale sul territorio bolognese e nazionale. Nel 2016 vince il Certamen del Centro di poesia dell’Università di Bologna ed è seconda classificata al Premio Alberto Dubito di poesia con musica; nel 2017 è sul podio delle finali nazionali di Poetry Slam del campionato LIPS. Ha tradotto K. Finneyfrock, R. McKibbens, M. Nettifee Coraggio – Poesie di grazia e di fuoco (Rizzoli, 2018) insieme a Tommaso Galvani.

3 APRILE – Luca Bernardini
E’ il campione nazionale in carica della LIPS – Lega Italiana Poetry Slam e ne è – nell’ordine – sorpreso, onorato, felice. Non vi basta? 28 anni, fiorentino, insegna appassionatamente teatro e improvvisazione teatrale a gente di ogni età in ogni luogo. I suoi progetti prendono forma sotto il nome di Witberry, con lo slogan: “cercando di costruire cose carine, coinvolgenti e piene di senso, e continuando a oltranza anche se non ci riesce”. Ultimo travolgente esperimento teatrale un duo improvvisato su musiche improvvisate dal titolo “3MENO1”.